Vittorio Vastarelli

Home Page Biografia Esposizioni Tavole Contatti Testimonianze
...A seguire le linee, a volte di estrema purezza, con cui Vastarelli costruisce figure, cose, animali, piante, oggetti si prova l'impressione di trovarsi di fronte a quei mondi della pittura che, in altri tempi, ci diedero il sentimento della solidarietà. E un risultato del genere, oggi più che mai, ci sembra ragguardevole e raro in un pittore giovane e che ha ancora molte cose da dire.
Domenico Rea
A proposito della mostra alla Galleria "Guidi", di Genova (1968)
...Un filo di continuità lega i suoi tentativi precedenti a certi suoi recentissimi risultati. Voglio aaludere alla sua fedeltà al tema dell'uomo, che del resto egli investe di nuovi timbri. Non siamo ancora alla "reificazione" e forse con lui non ci saremo mai... Siamo piuttosto al di qua, al tragico appunto dell'uomo che annega tra le cose consegnando tuttavia infatti alla morte i connotati del proprio volto.
Mario Pomilio
A proposito della mostra alla Galleria "Guidi", di Genova (1968)
...Il motivo ispiratore è per Vastarelli l'uomo, considerato nella lotta che conduce con se stesso e con le avversità del vivere quotidiano, motivo reale, che si dispiega nella fantasia dell'artista dando vita ad immagini in cui segno, colore, tocco, sprigionano uno stato d'ansia e d'angoscia...
A.M. Secondino
Gazzetta del Lunedì, 7 Ottobre 1968 (Genova)
...Pertanto da una figurazione eseguita con perizia disegnativa, Vittorio Vastarelli è giunto a realizzare composizioni nelle quali si nota un racconto in cui l'uomo è il protagonista del dramma che lo circonda e lo soverchia, conseguenza dellalotta con il tecnicismo che lo affascina, ma lo distrugge...
I.M. Balestrieri
Il Secolo XIX, 9 Ottobre 1968 (Genova)
Segue

Testimonianze